Torna Indietro

Il working group “S.M.S, un disagio per le adolescenti” affronta i vari aspetti di questa condizione ed in particolare il vissuto psico-sociale delle adolescenti. Una prospettiva, questa, difficile se ricercata negli ambienti medici, ma chiara ed esplicita dal punto di vista delle adolescenti.

 

Per questo motivo, le tematiche non si soffermeranno sugli aspetti tecnico-specialistici, ma ricercano i luoghi in cui le adolescenti e la condizione si incontrano: la scuola

 

L’iniziativa nasce dall’esigenza di sviluppare per le adolescenti un approccio integrato ed ha l’obiettivo di valutare quali sono gli strumenti e le modalità più idonei tenendo presente la ragazza nell’interezza della persona. L’attività si basa sulla diffusione delle moderne conoscenze e degli strumenti più avanzati a disposizione, nel rispetto dei principi di etica, efficacia, efficienza ed economicità.

 

L’ascolto dell’adolescente, sotto forma di test online, è basato su temi precostituiti ma le domande sono aperte, in modo da incoraggiare il soggetto a rispondere in modo spontaneo e confacente alle sue esigenze. Infatti, una forma aperta delle domande permette una maggiore possibilità di adattarsi alla situazione di intervista e alle caratteristiche del rispondente.

 

La domanda può non possedere come suo unico obiettivo quello di captare informazioni, ma soprattutto di “creare un legame con l’interlocutore”, dimostrando una reale curiosità verso l’altro e “il suo mondo di rapporti”. La procedura per la scelta delle domande prevede in primo luogo avere una lista dei temi.

 

Da questi temi possono essere estrapolati una serie di domande orientative e quanto più chiare possibili. Nella sequenza delle domande si può tenere conto della “tecnica ad imbuto”, ossia presentate con gradualità: da domande di carattere generale, a domande sempre più di dettaglio, utili per approfondire alcuni argomenti. 

Progetto pilota”….dolore durante il flusso mestruale

un disagio per le adolescenti”